Prima di Tahiti, il 1890 e “Madame La mort” di Paul Gauguin (anteprima)

form] Immagine

La produzione del 1890 è altamente convenzionale rispetto a quella che la precede e a quella che verrà: paesaggi, fattorie, nature morte e ritratti appaiono statici soggetti, un ritorno all’ordine “sconsolato”, ricerca di pace priva di entusiasmo. Curiosamente si distinguono alcuni lavori, tre dipinti e un disegno, completamente diversi tra loro.

Eva esotica, come sempre nell’artista, è un intreccio tra rievocazione di archetipi artistici, processo di memorizzazione e immaginazione, in un originale criterio che oggi chiameremmo postmoderno.

“Amo la Bretagna, in essa trovo un ché di selvaggio e di primitivo. Quando i miei zoccoli risuonano su questo suolo di granito, sento il suono sordo, opaco e possente che cerco in pittura” (In una lettera all’amico Émile Schuffenecker del 1888.)

Laura Fanti

A breve su Biblioteca e Società.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...