Prima di Tahiti. Il 1890 e “Madame La mort” di Paul Gauguin

Prima di Tahiti. Il 1890 e “Madame La mort” di Paul Gauguin

di Laura FANTI

La produzione di Gauguin del 1890, stretta tra i capolavori bretoni come Il Cristo giallo, Visione dopo il sermone, Ondina e La bella Angèle (dell’anno prima) e la svolta tahitiana del 1891, ha ricevuto scarsa attenzione da parte della critica. E di certo si tratta di un anno di passaggio, in cui l’artista sta cercando di definire la propria identità ed è totalmente preso dal progetto dell’atelier dei Tropici, in cui avrebbe voluto coinvolgere i suoi amici artisti. Dunque, è un periodo di incubazione: Gauguin è proiettato verso l’Oceania, dopo un primo innamoramento per il Tonchino e il Madagascar, e i suoi lavori, non molti (Wildenstein ne conta appena venticinque1), realizzati nel 1890 risentono di questa inquietudine, ma in modo laterale, tranne in un caso, come vedremo.

(…)

21 Paul Gauguin-Eva esotica

La produzione del 1890 è altamente convenzionale rispetto a quella che la precede e a quella che verrà: paesaggi, fattorie, nature morte e ritratti appaiono statici soggetti, un ritorno all’ordine “sconsolato”, ricerca di pace priva di entusiasmo. Curiosamente si distinguono alcuni lavori, tre dipinti e un disegno, completamente diversi tra loro. Donna davanti a una natura morta di Cézanne (Chicago, Art Institute), Eva esotica, Adamo ed Eva (o Il Paradiso perduto), Madame La mort (Cabinet des dessins, Musée du Louvre, Paris) è del febbraio seguente ma è diretta espressione dell’anno appena trascorso.
Eva esotica è indubbiamente il dipinto più intrigante dei tre. Gauguin prende a modello sua madre (nello stesso anno le aveva fatto un ritratto basandosi su una foto giovanile) per dipingere Eva in un Eden che pare un orizzonte di aspettative, in un quadro complesso, ricco di simbologie, dove i richiami alla natura sono solo a livello di memoria e non di osservazione diretta.

(…)

800px-Gauguin_Perte_pucelage

È mia opinione che per il disegno di Gauguin abbia posato la sua amante Juliette Huette (1866?-1935), modella del capolavoro Il risveglio della primavera (o La perdita della verginità, Chrysler Museum of Art, Norfolk, USA), non a caso i due lavori sono quasi contemporanei (inizi 1891 circa). Juliette, modella già per un altro disegno propedeutico al dipinto, Giovane donna con volpe (1890-91, gesso su carta gialla, Art Institute of Chicago, USA), che appare come l’inverso della figura per la pièce théâtral. Dove in Madame La mort c’era, sì, un’impostazione sintetista ma un turbinio di forze e una carica pre-espressionista e un’inquietudine di fondo che arriva dritta agli occhi, qui c’è un controllo quasi eccessivo e un’attenzione al primitivismo, un forte influsso della scultura cosiddetta “negra” vista all’Esposizione Universale del 1889 che affascinerà venti anni dopo Picasso.

(…)

Gauguin il barbaro, il primitivo, il selvaggio, in ciascuna declinazione della sua poetica e in ogni parte del globo, esprime sempre forza, energia, spregiudicatezza, libertà da sentimentalismi e da facili ammiccamenti. Non aveva forse scritto: “Amo la Bretagna, in essa trovo un ché di selvaggio e di primitivo. Quando i miei zoccoli risuonano su questo suolo di granito, sento il suono sordo, opaco e possente che cerco in pittura”11?

Può sembrare paradossale sentir citare opacità e sordità da parte di un artista che parlava continuamente di rimandi musicali nella sua pittura vivacissima.

Con Madame La mort, tuttavia, abbiamo scoperto un Gauguin inedito, oltre il sintetismo, a tinte più fosche e inquiete, che forse ha ancora molto da dire.

Estratti dall’articolo pubblicato in Biblioteca e Società, settembre 2014, pp. 40-44, a breve disponibile in pdf.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...